Pubblicato il 20/08/2019

La Caesar Salad: dall’Italia al mondo intero

Vi capita mai di pensare alle affollate strade di New York, al via vai sul Sunset Boulevard, allo sfarzo esagerato di Beverly Hills, al sole della tanto decantata California fino all’esaltazione del gioco d’azzardo a Las Vegas? Se sì provate a pensare ad un piatto che potreste trovare in tutti questi posti a parte l’hot dog (del würstel ne abbiamo già parlato nel corso di questo blog) e l’hamburger. Magari qualcosa di più sfizioso e trendy, giusto per usare un inglesismo, che vi farà subito ricordare ed immaginare nuovamente i paesaggi americani appena descritti. Tra i vari piatti, escludendo aberrazioni culinarie come gli spaghetti con il ketchup, ci sarà sicuramente la Caesar Salad.

Sembrerebbe la cosa più americana del mondo dopo la celebre bandiera a stelle e strisce, vero? E invece no perché questa famosissima insalata di pollo ha origine nel nostro Paese invece che nel Nuovo Mondo!

Facciamo dunque un piccolo salto indietro nel tempo, senza però perderci nelle leggende e nel mito com’è capitato con piatti, trentini e non, del calibro del toc del pontesel, del gorgonzola e così via. Nonostante alcuni sostengano che i veri ideatori siano stati i membri dello staff in cucina, l’origine della Caesar Salad va ricercata nella figura del cuoco Cesare Cardini, che si era già fatto conoscere in patria a partire dalle sue zone del Lago Maggiore. Pare infatti che la famosa insalata di pollo abbia avuto i natali in Italia verso la fine dell’Ottocento, ma è all’estero che ha ricevuto il battesimo ufficiale. Emigrato negli Stati Uniti durante i primi anni Venti del Novecento assieme ai fratelli Alessandro e Caudencio, Cesare Cardini si stabilì come chef in un ristorante lavorando principalmente tra Messico e California. È stato proprio in questo periodo che il cuoco nostrano ha deciso di portare nel Nuovo Mondo i sapori mediterranei, come la lattuga romana ed il Parmigiano Reggiano, mischiandoli a sapori ed ingredienti più esteri, realizzando dunque un perfetto connubio tra i due mondi.

Pare infatti che era il 4 luglio del 1924, la Festa dell’Indipendenza in America, quando il ristorante di Cardini venne letteralmente preso d’assalto da un’orda di clienti affamati. Preso inizialmente alla sprovvista, lo chef Cardini decise di mettere assieme quel poco che gli era rimasto in dispensa. Lattuga, pane, olio, pollo, salsa e Parmigiano vennero dunque sapientemente cucinati assieme e preparati per un’insalata particolarmente ricca e gustosa. I clienti ne furono entusiasti tanto che la notizia si diffusa rapidamente in tutto il Paese e venne battezzata Caesar Salad in onore del cuoco. Teniamo poi conto che quelli erano anche gli anni dello sviluppo del cinema, anche se in Europa il clima che si respirava era tutt’altro che tranquillo, e quindi la Caesar Salad divenne anche il piatto per eccellenza dei divi di Hollywood di ieri come di oggi.

Non c’è ristorante, fast food, baracchino, osteria, tavola calda e così via in America (e non solo) che non prevede la Caesar Salad nel menu. Un piatto così però lo potrete trovare anche da noi, al Ristorante Birreria Forsterbräu in pieno centro storico a Trento, con tanto di ottime birre e calda ospitalità trentina!

Il tuo pasto Forst a casa o in ufficio

Ordina a domicilio
Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Configurazione preferenze cookie

Da qui puoi dare o togliere il consenso all’installazione dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte2

cm_cookie_forst

wp-wpml_current_language

Cookie di profilazione

I cookie di profilazione vengono utilizzati per tracciare gli utenti del sito. La finalità è quella di presentare comunicazioni personalizzate o annunci pubblicitari che siano rilevanti e coinvolgenti per lo specifico utente.

Facebook1

_fbp

Scopri di più su questo fornitore